Numerose sono le attestazioni pittoriche presenti sul territorio cividalese, in elenco le testimonianze principali divise per secolo di creazione:

  • 1400

Gubertino da Cividale, a cui si attribuisce la “Adorazione dei Pastori e Santi” (Cividale, Museo Archeologico Nazionale)

  • 1500

Pellegrino da S. Daniele, ancona per l’altare della chiesa di S. Maria in Valle, “I Santi Benedetto, Giovanni Battista, Giovanni Evangelista” (Cividale, Museo)

Pietro Miani dipinge una quadrata tavola d’altare per la chiesa di S. Biagio, “Pala di S. Biagio” (Cividale, Chiesa di S. Biagio)

Pellegrino da S. Daniele, “Confraternita dei Battuti” (Cividale, Museo)

  • 1600

Secante Secanti incornicia la tavola del Miani, con riferimento al gusto veneto del tempo

Secante Secanti, “Il martirio di S. Biagio” (Cividale, chiesa di S. Biagio)

Giovanni Antonio Pordenone, “ Noli me tangere” (Cividale, Museo)

Paolo Veronese, “San Rocco” (Cividale, Museo)

Paolo Veronese, “Madonna con Bambino” (Cividale, Museo)

Palma il Giovane, “Il Redentore e i Ss. Sebastiano e Rocco” (Cividale, chiesa di S. Pietro ai Volti)

Palma il Giovane, “ Ultima Cena” (Cividale, Duomo S. Maria Assunta)

Pietro Damini, “S. Domenico appare alla Beata Benvenuta Bojani” (Cividale, Museo)

Matteo Ponzone, “Madonna in trono on Bambino e Santi” (Cividale, Duomo)

Giulio Quaglio, “Il castigo di Oza” (Cividale, Chiesa di S. Francesco)

Giulio Quaglio, “S. Bonaventura e la SS.ma Eucarestia” (Cividale, chiesa di S.Francesco)

  • 1700

Nicola Grassi, “S. Martino e il povero” (Cividale, chiesa di S.Martino)

Giovanni Battista Tiepolo in collaborazione del figlio Giandomenico, “ Visione di S.Anna” (Dresda, Gemlädegalerie)

Lorenzo Tiepolo, incisione pala di S.Anna (Bassano del Grappa, Museo)

Francesco Zugno, “Gloria di S. Giovanni Battista” (Cividale, Museo)

Gaspare Dizioni, “La Madonna adorata da quattro cappuccini” (Cividale, chiesa di S. Pietro ai Volti)

Giuseppe Diziani, pala di S. Antonio (Cividale, Duomo)

Francesco Chiarottini, “Deposizione della Croce” (Gagliano)

Francesco Chiarottini, decorazione salone (Cividale, palazzo Brosadola)