Chiesa di Santa Maria di Corte

 Piccolo oratorio che sembra derivare dalla sua antica appartenenza alla corte longobarda. Non conosciamo nulla delle sue origini. Secondo alcuni documenti medievali sembra che la zona fosse occupata da orti, da qui il nome.

Da un documento del 1286 sembra che fosse allora il patronato dei signori di Villalta; nel 1564 ne erano patroni i Nicoletti.

La costruzione attuale, come informa l’epigrafe del portale, risale al 1590, mentre il campanile, restaurato di recente, appartiene forse al sec. XIV – XV.
La facciata molto semplice, conserva di cinquecentesco il bel portale in pietra, con un architrave che sovrasta una nicchia con la statuina della Vergine.
L’interno si dimostra un piccolo oratorio a una sola navata, completamente rinnovato nel settecento, con due altari laterali e il maggiore di marmi mischi, piuttosto trito nella fattura del frontespizio sul quale si levano il Redentore, due angeli e due puttini.
Adesso la struttura è di proprietà della parrocchia destinata alla sezione studi storici di Cividale.