Sabato 28 ottobre 2017: “Oggi è sabato, andiamo a Cividale!”

 

28 ottobre 2017 in occasione della XIV Giornata Nazionale del Trekking Urbano a Cividale del Friuli:

“Oggi è sabato, andiamo a Cividale!”

Ore 10.30 – visita guidata (prenotazione obbligatoria)
tempo di percorrenza e lunghezza: cc. 2 ore e 30 minuti/ cc 2 km
difficoltà: bassa
orario e punto di ritrovo: ore 10.00 Sportello Informacittà – piazza Paolo Diacono, 10
orario di partenza della visita: ore 10.30 Sportello Informacittà – piazza Paolo Diacono, 10
Per informazioni e prenotazioni: Sportello Informacittà di Cividale del Friuli - piazza P.Diacono, 10 – 33043 Cividale del Friuli (UD) - tel.  +39 0432 710460 - informacitta@cividale.net - www.cividale.net
Costi di partecipazione a px (ingressi ai musei inseriti nel percorso di visita guidata): Euro 5,00 per adulti >18 anni; euro 2,50 per ragazzi con età >8 anni e <18 anni; gratis per bambini <8 anni.

 Nel XII secolo il Patriarca Pellegrino I (1131-1161) concesse alla città di Civitas Austriae (l’antica denominazione da cui deriva “Cividale”), di tenervi il mercato permanente in piazza della fontana: un privilegio riconfermato nel 1176 dal Voldolrico II.
Nel tempo il mercato cittadino di Cividale del Friuli conservò la sua prestigiosa importanza e fino al XX secolo era considerato una vera e propria istituzione: ne è una conferma il fatto che ancora oggi, anno 2017, quella famosa “piazza della fontana” per i cividalesi è, prima ancora che piazza Diacono, la loro “Piazza delle Donne”, perché fino a pochi decenni fa vi si ritrovavano tutte le vendigule (nel dialetto sloveno delle Valli del Natisone) o rivindiulis (in friulano) del circondario per vendere quotidianamente ortaggi, frutta e piantine.

Con questo itinerario vi invitiamo a scoprire Staro Mesto (Città vecchia), la Cividale dal punto di vista dei Benečani, gli abitanti della Slavia Veneta. Sarà un viaggio nei ricordi che parte dalle piazze dei mercati, privilegiando il passato più recente della città ducale, e soprattutto mettendo in luce il suo rapporto secolare con le Valli del Natisone.
Ogni sabato, infatti, soprattutto fino agli anni del boom economico del secolo scorso, gli abitanti delle Valli del Natisone si riversavano in massa nelle piazze di Cividale, per arricchire il consueto mercato con i propri prodotti di stagione e poi, con i guadagni realizzati, recarsi nelle numerose botteghe del centro, a comprare qualcosa di utile per la casa o per i più piccoli.

“Se si andava in corriera, partiva alle 7.00 del mattino e ci metteva mezz'ora, un'ora per arrivare. Erano corriere a gasogeno, mica a nafta, quindi non sapevi mai quando arrivavano”
Giuseppe Chiabudini – Čebudin, Cicigolis (Pulfero), classe 1933

“Portavamo a vendere la frutta: castagne, mele, pere, susine; per Pasqua anche uova, burro e galline. Allora, una era il Žiten plac (piazza dei grani), Plac od gvanta (Piazza degli abiti), poi davanti alla Questura si vendevano galline, uova, quel genere di cose... burro. I maiali invece erano dall'altra parte del ponte... sul Prasečji plac (Piazza dei maiali).
Il Žiten plac era piazza Paolo Diacono, dove si vendevano anche castagne e frutta. Plac od gvanta invece era Foro Giulio Cesare, dove vendevano i vestiti..”.

Angelina Stulin Vanjelcjova, Tribil superiore (Stregna), classe 1932


Consigli per proseguire la scoperta di Cividale:
Alcune delle botteghe e delle osterie citate nei racconti dei nostri narratori sono ancora attive: lungo l’asse viario di corso Paolino d’Aquileia e corso Mazzini li potrai riconoscere dall’insegna “locale storico”, mentre, percorrendo via Ristori e via Manzoni ritroverai le vedute della Cividale del secolo scorso attraverso le vetrofanie dei negozi e i pannelli illustrativi del progetto “Cividale…le vie, le storie, i mestieri”.

In occasione della visita guidata del 28 ottobre alcune attività commerciali del centro accoglieranno i visitatori raccontando la loro storia.

L’itinerario della visita giornaliera del 28.10 è ispirato al progetto Cividale: po slovensko Čedad, finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia (l.r. 26/2007).

vuoi ascoltare le voci dei nostri protagonisti? Le trovi sul sito internet istituzionale del Comune di Cividale del Friuli: http://bit.ly/Testimonianze_Pričevanja

Curiosità
Il toponimo “Friuli” deriva dall’antica denominazione della località di Cividale in epoca romana, Forum Iulii: nel 50 a.c. Giulio Cesare istituendovi il forum, fece assurgere la località al rango di municipium, decretandone in questo modo l’inizio dell’ascesa commerciale oltre che politica e militare.

 

Altri eventi previsti nella giornata del 28 ottobre a Cividale del Friuli: http://bit.ly/28ott2017_eventi_CividaleGG

 

Vuoi scaricare il file con le informazioni relative alla giornata? clicca qui

Per INFO: Sportello Informacittà
piazza Paolo Diacono 10 – Cividale del Friuli
tel. +39 0432 710460
informacitta@cividale.net
www.cividale.net
fb  www.facebook.com/Ufficio-Turistico-Cividale