Può l'Arte innescare processi di rigenerazione culturale, sociale ed ambientale?
 


Mercoledì 26 giugno 2019, presso la Sala Refettorio del Monastero di Santa Maria in Valle a Cividale del Friuli, ha avuto luogo il Il work shop-laboratorio riguardo il ruolo che l'arte può avere come motore di rinnovamento ambientale, sociale ed economico. è organizzato dal Comune di Cividale – Assessorato alla Cultura – e dal Centro Friulano di Arte Plastiche di Udine in collaborazione con Regione, Soprintendenza, Polo Museale, Musei cividalesi (MAN e MUCRIS), Università di Trieste.
L'architetto Michele Gortan ha illustrato il documento generato alla Biennale dello Spazio Pubblico di Roma cui ha preso parte e si affronteranno inoltre temi legati all'arte, la storia, i messaggi dell'Agenda 2030, la sostenibilità e le Città UNESCO.
Il pomeriggio di studi è stato l’atto conclusivo di una serie di progetti culturali realizzati in città in questi ultimi anni dal CFAP col coordinamento del settore guidato dall’assessore Angela Zappulla, basti pensare a tutte le declinazioni di Agenda 2030 Art con i tombini dipinti nelle frazioni, le mostre, i progetti incentrati sul tema della pace fino a quanto è stato realizzato nel 2018 per celebrare l'Anno europeo del Patrimonio culturale.

 

Agenda 2030 ART - Cividale 2020

Agenda 2030 ART - Cividale 2020 è l'evento proposto dal Comune di Cividale del Friuli con il Centro Friulano Arti Plastiche, ideato e curato dall'arch.Michele Gortan, che presenta un risultato “complesso” delle attività svolte sul Territorio, per raggiungere, attraverso i messaggi dei creativi, la promozione dei 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile, l’Agenda 2030 alle generazioni future. La creatività, l'arte del territorio a promozione dello Sviluppo sostenibile del territorio stesso. Il Primo “Territorio” che promuove i 17 OBIETTIVI per lo SVILUPPO SOSTENIBLE e AGENDA 2030 dell'ONU attraverso l'Arte contemporanea.

Agenda 2030 ART - Cividale 2020