CONCERTI CIVIDALESI 2013 "In ricordo di Antonio Picotti"

CONCERTI CIVIDALESI 2013
in ricordo di Antonio Picotti

Chiesa di San Giovanni – Monastero di Santa Maria in Valle


Domenica 6 ottobre - ore 18.00

Accademia del Ricercare

Vittoria Panato    violino
Manuel Staropoli    flauto
Daniele Bovo        violoncello
Claudia Ferrero    clavicembalo
musiche di G. Ph. Telemann, A. Corelli, J. M. Leclair, G. F. Haendel , A. Vivaldi  

Imperdibile per gli appassionati è il concerto di musica barocca che ci attende domenica prossima alle 18:00, presso la Chiesa di San Giovanni nel Monastero di Santa Maria in Valle, secondo appuntamento dei Concerti Cividalesi, rinati grazie ad una corposa ed inedita cordata di Associazioni ed Enti cividalesi ed udinesi dopo un paio d’anni di forzato stop ed intitolati e dedicati a chi li ideò nel 1978, l'Avvocato Antonio Picotti, scomparso nel settembre 2012,Potremo ascoltare infatti il gruppo strumentale  piemontese Accademia del Ricercare, tra i più quotati ensemble di musica antica italiani e per la prima volta in Friuli, che presenta un interessante programma a tema dedicato ad Arcangelo Corelli e all’influenza del suo stile su allievi e compositori contemporanei, a tre secoli dalla sua morte.

L'ingresso al concerto è libero.

Note su Corelli ed i suoi contemporanei

La musica del grande Arcangelo Corelli ha influenzato non solo tutti i compositori contemporanei ma anche le successive generazioni. Il suo stile inconfondibile è stato banco di prova nonché fonte di ispirazione per tutti i compositori che volevano affermarsi, consacrando il genere della Triosonata come principale esempio di magistrale composizione. Non meno influenza hanno avuto la sua opera V (sonate a violino solo con il basso continuo) e i concerti grossi opera VI, che nel repertorio del flauto dolce conquistano un posto di priorità essendo oggetto di trascrizione già nei primi anni del 1700. Tra gli allievi di Corelli ricordiamo Francesco Geminiani (1680-1762), Giovanni Battista Somis (1675-1763) e Pietro Locatelli (1693-1764). Ma la sua tradizione violinistica continuò negli anni, considerando che tra gli allievi del Somis annoveriamo Jean Marie Leclair (1697-1764) e Gaetano Pugnani (1731-1798) e dallo stesso Pugnani la “lezione” violinistica passerà al ben noto violinista piemontese Giovanni Battista Viotti (1755-1824). Tra i compositori contemporanei a Corelli non possiamo dimenticare autori come G. F. Haendel (con cui lavorò a stretto contatto a Roma tra il 1707 e il 1709), Antonio Vivaldi (il cui stile consacra quello Corelliano e lo perfeziona) e Georg Philipp Telemann che addirittura dedica al compositore di Fusignano una raccolta di trio sonate denominate  “Corellisirende sonaten”, in onore del compositore che più ha influenzato la musica strumentale in Europa. Il programma si snoda tra composizioni originali e musiche dei più “ispirati” compositori dell’epoca per un omaggio a Corelli nel suo trecentesimo anniversario dalla morte.

programma

Arcangelo Corelli e la sua scuola strumentale

G. Ph. Telemann (1681-1767)           Triosonata in Si  Minore dalle “Corellisierende sonaten

                                                          Grave, Vivace, Adagio e staccato, Presto

A. Corelli (1653 – 1713)                    Ciaccona

                                                          Sonata n. 7 op. 5

                                                          Preludio, Corrente, Sarabanda, Giga

J. M. Leclair    (1697 -  1764)             Deuxiéme Récréation op. 8

                                                          Chaccone

G. F. Haendel  (1685 – 1759)            Triosonata n. 5 op. 2 in sol minore

                                                          Larghetto, Allegro, Adagio, Allegro

A. Corelli   (1653 – 1713)                  Follia

A. Vivaldi  (1678 – 1741)                   Concerto in Fa Maggiore

                                                         Allegro, Largo, Allegro

 

 

 

Curriculum del gruppo

L’Accademia del Ricercare è un’associazione di musicisti specializzati nell’esecuzione della musica antica  (sec. X– XVIII), nata con l’intento di recuperarne e diffonderne la pratica e la cultura.
In oltre quindici anni di attività il gruppo, nelle sue diverse formazioni ha effettuato più di 700 concerti ed è stato invitato ad esibirsi per importanti istituzioni musicali, festival nazionali ed internazionali di alto livello: (Bruges Festival Internazionale delle Fiandre, Festival de La Chaise Dieu, Lens Festival Contrepoints, Bolzano Festival, Università di Leon Spagna, I Concerti dell’Accademia Ravenna, Festival di Musica Antica Graz, Festival de Musica Espanola de Madrid, Festival de la Laguna Tenerife, Festival Internacional de Musica de Galicia, Festival Internacional de Musica y Danza de Granata, Festival de Musique et Renaissance di Parigi Ecouen, Antiqua BZ, Canto delle Pietre Regione Lombardia e Regione Piemonte, S. Sempliciano a Milano, Genova, Firenze, Campobasso, Viadana, Stresa, Noto, Brindisi, Pantelleria, Kiel, Amburgo, Barcellona, Alberville, Barcellonet, Motril, ecc… ) riscuotendo, ovunque si sia proposta, ottimi consensi  di pubblico e di critica.
Recentemente è stata chiamata dal Governo delle Canarie per la realizzazione di un CD con musiche di D. Duron (maestro di Cappella nella cattedrale di S. Las Palmas)
L’Accademia del Ricercare ha finora realizzato dodici registrazioni su CD (edite e distribuite sul mercato internazionale dalla Brilliant, Tactus,Stradivarius ) il cui successo è confermato dai notevoli volumi di vendita quanto dalle recensioni pubblicate sulle maggiori riviste del settore in Europa.
L’ Accademia del Ricercare collabora permanentemente con i migliori musicisti europei specialisti nell’esecuzione della musica tardo-rinascimentale o barocca, i quali vantano individualmente curriculum di prestigio (Cappella Real de Catalunia, J.Savall, K.Boeke, A.Curtis, F. Bruggen, ecc…)